MatteoGovoni Banner

Matteo Govoni, tattoo artist con la passione per il Giappone

L’oriente è una terra di arte, onore e tradizione. Continuiamo la rubrica delle interviste ai nostri ex-studenti con Matteo Govoni, diplomato in Tattoo Design e con una forte passione per la cultura giapponese.

MatteoGovoni-Gojo

Ciao, come ti chiami, quanti anni hai e di cosa ti occupi?

Ciao a tutti! Mi chiamo Matteo (anche se ormai tutti mi conoscono come “Mashu“), ho 26 anni e il mio percorso lavorativo si basa sul Tatuaggio. Provo a cimentarmi nella branca del tatuaggio tradizionale giapponese, nello studio e comprensione di questa cultura. Il mondo del tatuaggio mi ha portato a conoscere le molte realtà ad esso collegate e il mondo dell’artigianato, a cui ultimamente mi sto approcciando attraverso la ceramica.

Quale corso hai frequentato presso l’Istituto Design Palladio? In che anno ti sei diplomato?

Ho frequentato il primo corso di Tattoo Design offerto da IDP e mi sono diplomato nel 2017, se la memoria non mi inganna!

Perché hai scelto un corso IDP invece di un percorso universitario tradizionale?

Ad essere sincero non avevo mai pensato all’università come un’eventuale scelta. Il mio obiettivo era carpire il più possibile le basi del disegno ed alcune nozioni sul tatuaggio, dato che fino a quel momento tutta la mia esperienza nel campo artistico era da autodidatta. Per questo un corso mi sembrava un buon compromesso, sia come tempo sia come nozioni.

C’è un motivo particolare per cui hai scelto di iscriverti al corso di Tattoo Design? Avevi una particolare passione per le materie trattate o ti ha motivato altro?

Credo di aver anticipato la domanda con le risposte sopra! Comunque sì, la mia passione per il disegno e il tatuaggio esistevano già da moltissimo tempo… Il tatuaggio è naturalmente apparso come possibile percorso attorno alla prima superiore, anche se a quei tempi era difficile crederci, in primis, e poi trovare appoggio concreto per questa scelta.
Per avere un riferimento sulla mia passione per il disegno invece vi posso dire da quando in televisione veniva ancora trasmesso Art Attack!

Ci sono stati progetti e/o obiettivi raggiunti durante la frequenza del corso che ti hanno portato particolare soddisfazione? Raccontaci quali e perchè.

Devo dire che ho trovato particolare soddisfazione nella mia intera esperienza… Nel conoscere un mondo nuovo, uscire dalle barriere mentali che avevo, usare meno la testa ed affrontare i disegni e le situazioni andando più “a sentimento” (un’espressione che adoro usare). L’intero corso in realtà era parte di un  progetto di crescita personale, come accennato prima. E penso di averlo portato a termine egregiamente per quanto riguarda la mia ricerca.

All’inizio del tuo percorso di studi con IDP avevi già in mente la carriera che avresti voluto intraprendere una volta diplomato o ti sei chiarito le idee strada facendo?

Sì! Sebbene il percorso che volevo seguire lo avevo già chiaro in mente, credo che il corso di Tattoo Design possa aiutare a capire se si è alla ricerca davvero di un lavoro all’interno del mondo del tatuaggio, oppure qualche altra strada in altri ambito artistico!

Hai qualche consiglio da dare a chi non ha ancora le idee chiare in merito al percorso professionale da intraprendere?

“Provate!”. Buttarsi in nuove esperienze e conoscere nuovi mondi non è mai una perdita di tempo! Tutto torna utile e arricchisce la persona stessa.

MatteoGovoni-Dragon

Se dovessi consigliare ad un amico il tuo stesso corso, cosa gli racconteresti?

Più che raccontare, cercherei di consigliarli di frequentare senza pregiudizi nei confronti delle materie, di assorbire quello che serve a lui personalmente e di sfruttare al massimo la conoscenza dei vari insegnanti dal primo giorno. Quest’ultima è una cosa di cui mi sono accorto appieno solo verso la fine della mia esperienza, ma fortunatamente avendo i contatti dei professori le mie domande non si sono fermate con la fine del corso!

Dopo il diploma ti sei sentito pronto ad entrare nel mondo del lavoro? Avevi obiettivi o aspettative particolari?

Penso che il corso di Tattoo Design differisca abbastanza dagli altri proposti all’interno dell’Istituto. Per approcciarsi al mondo del tatuaggio non credo esista una vera preparazione, dato che tutto è molto diverso da quella che poi sarà la vera gavetta all’interno di uno studio.
Detto ciò mi sono sicuramente sentito più tranquillo e preparato avendo disegnato molti soggetti, sperimentato e creato il mio portfolio con IDP. Portfolio che poi ho portato nel primo studio in cui ho iniziato a bazzicare.

Quanto tempo hai impiegato per trovare lavoro? Hai adottato strategie particolari (contattato agenzie, inviato CV, promosso il tuo portfolio sui social ecc.)?

Non molto tempo, in realtà. Mi sono informato e sono andato direttamente in un paio di studi in cui ho visto che non era presente molta gente per provare a vedere se erano disponibili ad insegnarmi quello che serviva in cambio del mio aiuto in gestione ecc… La classica gavetta vecchio stile!
In questi tempi anche i social sono uno strumento molto potente chiaramente, ma fortunatamente il contatto umano ha ancora un valore molto alto.

Quali consigli daresti ai neo-diplomati che stanno cercando di inserirsi nel mondo del lavoro?

Mi sento di consigliare e ribadire di cercare di capire come funziona veramente il mondo lavorativo. Il corso dà una buona base ma la pratica reale all’interno di uno studio non si può insegnare se non con l’esperienza! E specialmente di non abbattersi se si viene rifiutati da qualche parte: Se è quello che volete sono sicuro che riuscirete a trovare lo studio che fa per voi!

Hai raggiunto qualche traguardo lavorativo particolarmente interessante o gratificante? Se si, ti va di condividerli con noi?

Diciamo che la mia vera esperienza lavorativa è iniziata agli inizi del 2019, quindi non sento di aver ancora toccato i miei traguardi lavorativi. Ma sicuramente è stato molto gratificante il fatto di essere riuscito ad aver lavorato e lavorare in futuro a contatto con tatuatori professionisti, cercando di conoscere le loro opinioni, tecniche e studi personali. La conoscenza, l’umanità delle persone e lo scambio che si crea sono una delle cose più belle che scorgo in questo mondo.

Cosa ti fa ancora sorridere, o cosa ricordi con maggior nostalgia, quando ripensi al periodo trascorso nella famiglia IDP?

Sicuramente i giorni trascorsi a IDP sono stati giorni felici e di grosse risate. Conoscere persone nuove e stare in un ambiente dove si respira creatività e tranquillità è stato molto stimolante. Ogni tanto capita di avere nostalgia, ma passo ancora ogni tanto ad interrompere il loro lavoro per un saluto… Quindi non saprei se posso definirla una vera nostalgia incurabile!

Un’ultima domanda, hai un sogno nel cassetto o un progetto particolare che ti piacerebbe realizzare? Non deve essere per forza legato alla tua carriera professionale.

É sicuramente legato al mio percorso, non riuscirei a pensare ad altro! Credo di avere un sogno nel cassetto molto ordinario, ma molto emozionante per me. Mi riferisco al fatto di poter crescere all’interno di questo mondo, o questi mondi, e di non uscirne mai. Viaggiare, ampliare la propria percezione e cultura, creare qualcosa di proprio: penso che questo al momento sia il fulcro per un eventuale prossimo passo. Un progetto, che sto cercando di portare avanti in questo periodo, invece è legato al mio percorso con la ceramica e la pittura, ossia la creazione di un piccolo Atelier personale dove poter dipingere e pasticciare senza preoccupazioni. Successivamente mi piacerebbe organizzare uno spazio di questo tipo per chiunque volesse all’interno della città, dove poter respirare la stessa aria creativa, scambiare pareri ed opinioni, nonché avere i propri lavori in vista per chiunque fosse interessato.

Ne approfitto per ringraziare tutto l’istituto per l’opportunità di rispondere a queste domande. Vorrei dire altre mille cose ma ho cercato di trattenermi.. Parlare è un piacere, e potete chiedermi quello che volete in qualunque momento.
Un saluto a tutti, Mashu!

MatteoGovoni-ArmGrazie a te, “Mashu”! Speriamo di vederti continuare a maturare il tuo stile personale e di trovare grande soddisfazione dei tuoi progetti, sia correnti che futuri!

Ti interessa saperne di più sul corso che ha frequentato Matteo?
Scopri il corso di Tattoo Design