Stefano Manzini Banner

Stefano Manzini, Interior Designer nel mondo dell’architettura

22 Apr 2021

Con l’ultimo articolo qui sul nostro blog, abbiamo lanciato una nuova rubrica di interviste ai nostri ex-studenti, per esplorare le loro esperienze nel mondo lavorativo e cercare di capire assieme a loro come sta evolvendo il mondo del design.

In questo articolo intervistiamo Stefano Manzini, ex studente del corso di Interior Design, e parliamo delle sue esperienze nel mondo del design degli interni e dell’architettura.

Manzini progetto 1

Ciao, come ti chiami, quanti anni hai e di cosa ti occupi? Hai un portfolio online o un sito web personale che ti piacerebbe condividere con noi?

Ciao, sono Stefano Manzini, ho 29 anni, sono interior designer e sono socio in uno studio di architettura da circa un anno oltre ad occuparmi di grafica per una wedding planner. Potete trovare alcuni dei miei progetti e lavori sul mio sito web personale www.stefanomanzini.it

Quale corso hai frequentato presso l’Istituto Design Palladio? In che anno ti sei diplomato?

Ho frequentato il corso di Interior design triennale terminando il percorso nel lontano 2014.

Perché hai scelto un corso IDP invece di un percorso universitario tradizionale?

Mi ha attirato fin da subito il fatto che le classi fossero composte da poche persone per cui il livello di attenzione sarebbe stato molto più alto. L’ho visto fin da subito come un corso intensivo e concreto in modo da essere il più possibile introdotti nel mondo del lavoro una volta terminato il triennio.

C’è un motivo particolare per cui hai scelto di iscriverti al corso di Interior Design? Avevi una particolare passione per le materie trattate o ti ha motivato altro?

Provenendo da un istituto superiore Tecnico per Geometri, da subito mi sono interessato al corso di interior. Già appassionato a questo mondo, mi sentivo (e mi sento) totalmente in affinità.

Ci sono stati progetti e/o obbiettivi raggiunti durante la frequenza del corso che ti hanno portato particolare soddisfazione? Raccontaci quali e perché.

In particolare, l’ultimo anno la prototipazione a grandezza reale di una seduta progettata interamente da me. Mi ha dato moltissima soddisfazione, è stata la prima volta in cui ho visto qualcosa che ho immaginato, concretizzarsi in un oggetto vero e proprio.

All’inizio del tuo percorso di studi con IDP avevi già in mente la carriera che avresti voluto intraprendere una volta diplomato o ti sei chiarito le idee strada facendo?

Inizialmente, non avevo ben in chiaro cosa volessi, un po’ come tutti i maturandi.  L’ho scoperto un po’ step by step e tuttora non so se sono arrivato ad una definizione totale della mia professione (l’importante è non fermarsi mai!)

Hai qualche consiglio da dare a chi non ha ancora le idee chiare in merito al percorso professionale da intraprendere?

Io consiglio sempre di essere curiosi, di studiare gli altri, per capire in quale direzione vogliamo o NON vogliamo che la professione vada.

Manzini progetto 3

In quale azienda hai effettuato lo stage e come ti sei trovato? Pensi che sia stata una esperienza utile per introdurti nel mondo del lavoro?

Ho effettuato diversi stage sia durante che dopo aver terminato l’IDP. Il primo è stato nello show-room MODO+ e devo dire che mi è servito molto per imparare prodotti, brand e parte di progettazione, nello specifico di cucine.

Se dovessi consigliare ad un amico il tuo stesso corso, cosa gli racconteresti?

Gli racconterei che è un corso intensivo e specialistico ma allo stesso tempo ti da possibilità di essere contaminato e spaziare alla ricerca del tuo specifico campo di interesse.

Dopo il diploma ti sei sentito pronto ad entrare nel mondo del lavoro? Avevi obiettivi o aspettative particolari?

Devo dire che sì, mi sentivo pronto. Ovviamente con mille ansie però pronto a lanciarmi nel mondo del lavoro ed a continuare l’apprendimento sul campo.

Quanto tempo hai impiegato per trovare lavoro? Hai adottato strategie particolari (contattato agenzie, inviato CV, promosso il tuo portfolio sui social ecc.)?

Un lavoro part-time lo avevo già prima di ultimare gli studi e successivamente l’ho integrato con uno stage all’interno di uno studio di architettura. Questa prima fase è avvenuta un po’ grazie ai contatti forniti dall’IDP ed un po’ tramite passa parola. Successivamente ho sempre curato molto i social come Instagram e Facebook senza dimenticare Linkedin che mi ha portato sempre molti contatti interessanti.

Quali consigli daresti ai neo-diplomati che stanno cercando di inserirsi nel mondo del lavoro?

Direi di non perdere la motivazione e la voglia di scoprire, studiare e assorbire quanto più possibile per differenziarsi e creare il proprio stile e punto di vista.

Hai raggiunto qualche traguardo lavorativo particolarmente interessante o gratificante? Se si, ti va di condividerli con noi?

Uno dei traguardi a cui tengo di più è stata lo progettazione di un concept store a Pechino pochi anni dopo aver ultimato gli studi. La difficoltà in quel caso è stata doppia, perché oltre a dover gestire tutto tramite Skype e video call, non ho mai potuto vedere il progetto dal vivo una volta realizzato.

Cosa ti fa ancora sorridere, o cosa ricordi con maggior nostalgia, quando ripensi al periodo trascorso nella famiglia IDP?

I ricordi più belli sono tutte le amicizie che sono nate durante i tre anni di studi, i pomeriggi e le notti passate a finire progetti di gruppo e ii indimenticabili giorni di esaurimento durante gli esami finali. Se devo essere sincero, rifarei ancora l’IDP.

Un’ultima domanda, hai un sogno nel cassetto o un progetto particolare che ti piacerebbe realizzare? Non deve essere per forza legato alla tua carriera professionale.

Un grande sogno che ho da sempre è quello di seguire il progetto di una masseria piuttosto che un cascinale in una zona vicina al mare. Magari di mia proprietà.

Manzini progetto 2

Grazie Stefano per le tue risposte, per il tuo entusiasmo e per i consigli che hai condiviso con noi. Ti auguriamo solo il meglio per i tuoi progetti correnti e futuri. Attendiamo notizie sul cascinale di tua proprietà per magari parlarne in futuro!

Ti interessa saperne di più sul corso che ha frequentato Stefano?
Scopri il corso di Interior Design